+39 049 825 6718
info@mobiliereok.it

Il ruolo del Brand

Home » Il ruolo del Brand

Il ruolo del Brand

Il brand fa la differenza!

Le imprese sul mercato si caratterizzano per una lotta spietata a suon di promozioni, offerte e sconti ma vi sono alcune imprese che emergono da questa arena grazie a una caratteristica particolare: il brand.

Avere un brand forte permette alle imprese di avere un vantaggio competitivo difficilmente riproducibile dai concorrenti, rendendolo unico nel mercato.

Ma cosa significa brand?

Il brand è un nome, un termine, simbolo o disegno, o una combinazione di tutti gli elementi precedenti, grazie al quale si identificano le merci e i servizi di una impresa differenziandosi dalla concorrenza. Questo valore intangibile è l’incrocio di più fattori tra i quali troviamo ad esempio il livello di qualità dei prodotti, la fedeltà dei clienti e quanto è famosa l’impresa stessa.

Cosa serve avere quindi un brand riconosciuto e affermato?

Un marchio affermato come già detto permette di avere un vantaggio irripetibile rispetto alla concorrenza. Oltre a questo, serve a generare un plusvalore unico che oltre a generare acquisti, permetterà un ritorno della clientela e una fedeltà della stessa creando quello che viene chiamato customer life time value, ovvero la fedeltà del cliente e il ritorno dello stesso al riacquisto dei prodotti e/o servizi dell’impresa.

DEFINIZIONE DI BRAND

Il brand esprime l’identità dell’impresa e come questa si interfaccia con i propri clienti. L’impresa quindi ha bisogno di tempo per poter far conoscere il proprio marchio. La notorietà del brand è merito principalmente di due fattori:

• Un costante investimento di risorse sia umane che materiali nello sviluppo dell’attività dell’impresa. La migliore pubblicità è svolgere in maniera efficacie ed efficiente il proprio lavoro.
• Un investimento mirato e pianificato nei canali pubblicitari giusti e nella gestione della clientela.

Questo sviluppa la forza del proprio brand che deve avere 4 caratteristiche:
1. La qualità del prodotto/servizio deve avere un livello elevato
2. Vi deve essere una alta fedeltà all’impresa
3. La notorietà dell’impresa e del brand deve raggiungere livelli ingenti
4. Il canale distributivo deve raggiungere in maniera capillare i propri clienti e potenziali tali

Come creare il proprio brand?

Il brand è un punto di arrivo e non di partenza in quanto vi è un percorso lungo e tortuoso per crearne uno e soprattutto per crearne uno di successo. Un marchio divenuto tale è l’insieme di due processi distinti che si uniscono: uno di resilienza (resistenza nel tempo con il consolidamento nel tempo dei risultati raggiunti) e uno di sublimazione (una progressiva aggiunta di valore intangibile al proprio prodotto o servizio che ne aumenta a sua volta il valore percepito dai consumatori).

Il percorso di creazione di un brand quindi non è un tracciato rettilineo ma un percorso circolare in cui le fasi-obbiettivi vengono raggiunte e si auto-alimentano tra di loro. La progettazione e l’ideazione di un brand attraverso tre fasi:

• La fiducia, che si guadagna ogni giorno con la clientela e i fornitori;
• La awareness, del proprio marchio che rende i consumatori consapevoli e fiduciosi verso l’impresa;
• La simbologia, ovvero il collegamento tra impresa e rappresentazioni simboliche favorevoli.

Queste tre fasi sono imprescindibili per la creazione di una connessione unica tra impresa e consumatore e che l’impresa soddisfi oltre a un bisogno fisico anche desideri intangibili attraverso una combinazione di emozioni, di commitment e di valori.

Il fine è quindi creare quello che viene definita lealtà al brand (brand loyalty), una connessione forte e fatta per durare nel tempo.

prisma di Jean-Noel Kapferer

Per analizzare il proprio brand e capire come migliorarlo vi sono numerosi modelli, quello più utilizzato è sicuramente il prisma di Jean-Noel Kapferer.

Il prisma di Jean-Noel Kapferer individua sei elementi che danno tutti gli elementi del brand.

Gli elementi sono:
Elementi fisici: quali attributi fisici presenta? Come appare?
Personalità: qual è il carattere? Come si manifesta all’esterno?
Relazione: persone: come interagisce e si confronta con i suoi interlocutori?
Cultura e valori: quali sono le caratteristiche indelebili e durature che ha?
Immagine riflessa sulle persone: come influenza le persone che interagiscono con quel brand?
Rappresentazione mentale: che emozioni suscita ai consumatori che utilizzano il brand?

Come far emergere il proprio brand?

Per rendere il proprio brand, un marchio affermato e profittevole bisogna agire sulle 4 leve indicate prima cioè:

Qualità del prodotto
• Fedeltà della clientela
• Notorietà al pubblico
• Distribuzione efficace ed efficiente

Qualità del prodotto

La qualità del prodotto di un’impresa la posiziona anche sul mercato e la rende parte dell’offerta di un certo segmento di consumatori. I prodotti di fascia bassa usualmente sono molto fungibili, significa che il consumatore non noterà la differenza tra un prodotto di una impresa e di un’altra ma guarderanno solamente al prezzo. Un posizionamento in questa fascia quindi non paga in termini di brand positioning. Bisogna quindi posizionarsi nella fascia media. La percezione della qualità in questa fascia ha sicuramente un’altra concezione in cui non è il solo prezzo a determinare le scelte del consumatore. Avere un eccellente rapporto tra qualità e prezzo è il fattore ottimo per far crescere il proprio brand e farsi riconoscere dal consumatore.

Fedeltà della clientela

Il cliente è il più grande asset che un’impresa può avere in quanto può svolgere una duplice funzione:
• creare un flusso di cassa tramite i propri acquisti (e se è fedele saranno ripetuti nel tempo)
• suggerire ai conoscenti e amici l’impresa (facendosi ambasciatore del nostro marchio)
Il mettere al centro il cliente è un processo aziendale lungo e che richiedere sforzi soprattutto dal lato del servizio al cliente stesso. Questo processo, la customer centricity, riuscirà a far emergere il vostro brand rispetto ai concorrenti.

Notorietà al pubblico

La pubblicità e il marketing sono parte integrante per far crescere il proprio brand. Il costo però soprattutto per le piccole imprese è alto e a volte non sostenibile. Come ovviare quindi a questo problema di risorse limitate?
Come primo punto bisogna avere chiaro l’obiettivo o gli obiettivi che ci si prefigge e creare un piano organizzato e in step. Individuato il target di clientela, le imprese locali non hanno bisogno di farsi conoscere in un territorio troppo vasto. Bisogna quindi individuare dove arriva il proprio raggio d’azione dandosi un confine fisico. Successivamente si individueranno i canali in cui inviare il proprio messaggio pubblicitario. Trovati questi tre elementi creeremo un messaggio ad hoc per i vari canali e indirizzo al nostro pubblico target nel territorio individuato.

Distribuzione efficace ed efficiente

L’efficienza di una impresa è misurata anche nella risposta che dà alle richieste dei propri clienti. Una risposta veloce e precisa alle richieste dei clienti porterà a un cliente soddisfatto, creando un circolo virtuoso che porterà alla fedeltà e quindi a un aumento generale del proprio brand. Le attività interne dell’impresa si affacciano sempre all’esterno soprattutto nelle imprese con un forte contatto con il pubblico. Curare queste attività rendendole efficienti ed efficaci renderà la vostra impresa più forte e apparirà agli occhi del cliente come una impresa di cui nutrire fiducia.

Il brand come abbiamo visto è una somma di tanti fattori che vanno tutti attentamente curati perché questo si sviluppi e accresca la propria posizione.

Sommario
Il ruolo del Brand!
Articolo
Il ruolo del Brand!
Descrizione
Il brand esprime l’identità dell’impresa e come questa si interfaccia con i propri clienti. L’impresa quindi ha bisogno di tempo per poter far conoscere il proprio marchio. Come farsi quindi ricordare dai consumatori?
Autore
Editore
Mobiliere OK
Logo del editore
By |2018-10-15T07:42:15+00:00settembre 28th, 2018|Articoli|0 Comments